Cassa integrazione artigiana, la denuncia: fondi insufficienti a coprire le richieste

Ebrart: ritardo del Governo nel trasferimento dei fondi annunciati, da pagare ancora migliaia di pratiche

PESCARA – «L’Ebrart è impossibilitato ad effettuare i versamenti relativi al completamento
del mese di marzo, e ai mesi di aprile e maggio, a causa del mancato trasferimento delle risorse
economiche previste dal Decreto legge “Rilancio” e ripetutamente annunciate dal Governo».
Lo afferma una nota dell’Ente bilaterale per l’artigianato abruzzese, che parla di «ritardi
inammissibili nell’erogazione degli ammortizzatori sociali al mondo degli artigiani, che
attendono ancora i pagamenti loro dovuti per colpa dei ritardi nell’assegnazione delle risorse
pubbliche al Fondo sociale bilaterale per l’artigianato, che in Abruzzo si articola nell’Ebrart».
La denuncia del Fondo, costituito dalle principali associazioni dell’artigianato (Casartigiani,
Claai, Cna, Confartigianato) oltre che dai sindacati dei lavoratori (Cgil, Cisl e Uil) intende
mettere così un punto fermo, «chiarendo quanto sta avvenendo a livello nazionale e, a caduta,
anche nella nostra regione. L’Ebrart ha da tempo approvato le migliaia di richieste arrivate
relativamente alle prime 9 settimane di copertura dell’ammortizzatore sociale FSBA e tramite
le risorse accantonate negli anni, grazie ai versamenti di imprese e lavoratori aderenti, ha già
proceduto al pagamento dell’assegno a oltre 1700 imprese, per circa 6500 dipendenti della
nostra regione, rispondendo a tante richieste relative ai mesi di febbraio e marzo».
Ora però, esaurite le risorse disponibili, l’EBRART si trova nella condizione di non poter
effettuare – come denunciato – i versamenti relativi al completamento del mese di marzo e ai
mesi di aprile e maggio: «Per questo motivo – conclude la nota – vogliamo esprimere la nostra
più viva solidarietà ai lavoratori dell’artigianato abruzzese, confermando l’impegno
quotidiano, anche attraverso le strutture nazionali, per sollecitare il Governo a sbloccare
immediatamente le risorse promesse. Risorse evidentemente indispensabili alla
sopravvivenza di lavoratori ed imprese, tanto più in un momento tra i più complicati della
storia italiana».

Fonte: Ebrart Abruzzo