SAN.ARTI 2020: TUTTE LE NOVITA’SUL PIANO SANITARIO RIVOLTO AI DIPENDENTI DELLE IMPRESE ARTIGIANE

Con l’inizio del 2020 è operativo il nuovo Piano Sanitario di
SAN.ARTI. rivolto ai dipendenti delle imprese artigiane. Piano che nella nuova edizione contiene
sensibili ampliamenti e modifiche nelle garanzie e nelle prestazioni offerte.
Il Nomenclatore del nuovo Piano Sanitario si compone di due parti: una riguarda le
prestazioni in convenzione erogate tramite la Compagnia Assicuratrice UniSalute in partnership con
Generali, l’altra riguarda le prestazioni
in autogestione erogate direttamente da SAN.ARTI.

Le migliorie apportate al Nomenclatore, relativamente alla parte assicurata, attengono
all’inserimento e al miglioramento di alcune prestazioni, tra queste:
– la prevenzione, che viene rimodulata e arricchita prevedendo un’offerta di prevenzione
biennale medico-guidata e l’opportunità di una prevenzione annuale a scelta tra quattro
tipologie;
– un’apertura verso la non autosufficienza che prevede il rimborso delle spese per
prestazioni domiciliari in casi di impossibilità alla deambulazione;
– l’implementazione e revisione dell’elenco degli interventi chirurgici anche con
l’inserimento di nuove tipologie di intervento, nonché l’aumento del massimale annuo a
disposizione;
– l’introduzione di una copertura per quanto attiene il ricovero medico non chirurgico;
– la riduzione in alcuni casi delle franchigie a carico degli Iscritti, franchigie che comunque
non superano i 30 €;
– l’aumento dei massimali per visite specialistiche, accertamenti diagnostici e diagnostica
d’immagine;
– la psicoterapia, maggiormente delineata e con un massimale autonomo rispetto alle visite
specialistiche; – l’ampliamento della prevenzione odontoiatrica: viene riarticolato il contributo per
l’implantologia e vengono confermate le cure conservative, seppur con un massimale
diverso, introdotte nella campagna straordinaria appena conclusa;
– vengono aumentati i casi di ricorso alla fisioterapia riabilitativa e l’aumento del massimale
annuo;
– si introduce il rimborso per ausili e protesi.
La ristrutturazione dell’offerta sanitaria è stata ideata in modo da ottenere prestazioni
maggiormente fruibili e tali da orientarne l’utilizzo verso una maggiore integrazione e
complementarietà con quelle offerte dal Servizio Sanitario Nazionale.
Per quanto riguarda la parte del Nomenclatore relativa alle prestazioni in autogestione
liquidate direttamente da SAN.ARTI., il Fondo da marzo 2019 ha già provveduto a avviare le
prestazioni relative alle Lenti correttive e alla Procreazione Medicalmente Assistita (PMA).
Dal 1° gennaio 2020 a tali prestazioni si sono aggiunti:
– il rimborso dei Tickets per visite specialistiche, accertamenti diagnostici e pronto
soccorso;
– il rimborso del Pacchetto Maternità;
– la copertura della Grave inabilità determinata da invalidità permanente da
infortunio sul lavoro o da gravi malattie.
Per maggiori dettagli, inviamo in allegato il Nomenclatore delle Prestazioni gestite da
UniSalute e la Guida alle Prestazioni in Autogestione erogate direttamente da SAN.ARTI., che trovate
agevolmente anche sul sito www.sanarti.it.